Il passaggio - Consigli di Ettore Messina

Ho pubblicato dei miei appunti sui consigli su come allenare di Ettore Messina nella sezione metodologia d'allenamento. Quella che riporto qui &e la parte di quel documento dove si parla del passaggio.

PASSAGGIO 

Richiedere sempre un passetto in avanti col piede dal lato del passaggio (nella direzione del passaggio e senza incrociare perch&e potrebbe portarmi fuori equilibrio), cio serve a:

?        aumentare l'equilibrio

?        migliorare l'angolo di passaggio senza ricorrere al palleggio

?        diminuire la distanza tra chi passa e chi riceve

Ci&o &e fondamentale se devo effettuare passaggi dentro, meno importante se effettuo un passaggio in linea.

Con il passetto in avanti il giocatore &e anche portato a doversi piegare un p&o di pi&u sulle ginocchia.

Curare anche la corretta posizione del post (sempre sulla linea palla-canestro) contribuisce a creare un buon angolo di passaggio.

Non consentire alla difesa di stabilire le nostre scelte d?attacco, ma mantenere sempre l?iniziativa, appena possibile, specie contro difese aggressive, si deve battere il proprio avversario. Bisogna imparare ad usare i piedi per muoversi un secondo prima dello spostamento del difensore e batterlo in controtempo.

Con il passetto in avanti si mantiene l'iniziativa come attaccante (se si passa a gambe scariche non si &e pronti a sfruttare eventuali errori della difesa).

Sulla pressione devo esagerare la posizione del difensore per poi batterlo nel senso opposto: se &e a braccia alte devo fintare alto e passare a terra, viceversa se &e a braccia basse devo fintare basso e passare sopra la sua spalla. Anche nelle finte va usato il passatto, che mi aiuta anche a rendere pi&u efficace la finta.

I passaggi migliori per il post sono quelli a terra, con i quali ha il tempo per vedere la palla che rimbalza e scegliere quando staccarsi dal difensore (contatto attaccante/difensore) per prendere la palla.

Esercizi per il passaggio:

- 3c3 o 4c 4 a met&a campo senza palleggi

- dai e cambia in quadrato (passo a destra e vado nella fila di sinistra). Correre incontro alla palla, fare un passo verso la palla, ruotare che e passare nella direzione opposta. Si pu&o suggerire di ?muoversi come se si avessero gli sci sotto ai piedi?, se non ruoto sulle anche "mi si aprono le gambe!".

La ricezione &e fondamentale per poter attaccare con efficacia.

Esercizi di 1c1. Appena sto per ricevere, devo puntare gli occhi sul ferro e avere un'idea chiara di cosa sta facendo il difensore.

Devo giocare 1c1 senza palla con l'idea di ricevere in una posizione da cui posso rendermi subito pericoloso con un tiro (cercare di avere un secondo di vantaggio sulla difesa).

Non devo mai tenere la palla ferma in mano. Se sono indeciso, o passo o faccio una finta. Se sono pressato non devo fare molte finte; ne basta una sola per "esagerare" la posizione del difensore. E? anche una situazione mentale: non devo aver paura della pressione.

Se tengo la palla per 4 secondi, quando la passo diventa una palla sporca, difficilmente utilizzabile per una conclusione rapida da un acompagno.

Il coach difende (assume solo la posizione; &e meglio che ci stia il coach perch&e sa quale soluzione deve essere migliorata da ogni giocatore), chi riceve deve muoversi verso la palla guardando come sta reagendo il difensore (ricevere con gli occhi puntati sul ferro) mentre con la coda dell'occhio controlla la palla che sta arrivando.

Successivamente si pu&o scegliere di marcare chi passa.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 20 visitatori online